La donna che leggeva le voci

Keiko Asahi legge le voci. Le ascolta, le penetra. Conosce gli altri, dai toni delle loro espressioni, meglio di quanto non si conoscano essi stessi. Soprattutto, legge le voci dei propri studenti. Keiko Asahi è cieca a causa di un incidente che le ha tolto, in un colpo solo, la luce del sole e quella del palcoscenico che calcava come soprano. Da allora insegna canto. Quando uno dei suoi allievi più promettenti, Diego Pallavicini, viene trovato morto, ucciso da una lama che gli ha reciso la giugulare, questa donna tanto minuta e delicata quanto forte e volitiva non può che aiutare il commissario Santangelo a risolvere il caso. E lo fa a modo suo, ascoltando le voci di chi le vive intorno, penetrandole. Leggendole tutte, dalla più limpida e sincera alla più nascosta, contratta e imprigionata, quasi, in un groviglio di emozioni.

L’autrice:

Valeria Venza, nata a Napoli, ha vissuto quasi sempre a Roma. Laureata in Filosofia, insegna Materie Letterarie in un liceo artistico. Ama la musica barocca e il canto che, in passato, è stato la sua professione. Ha collaborato con alcune riviste, tra le quali “Ulisse” (Alitalia). Partecipa a un laboratorio di scrittura diretto dalla scrittrice e giornalista Cinzia Tani. Ha pubblicato nel 2016 Cento, per l’editore Robin. Questo è il suo secondo romanzo.

Titolo: La donna che leggeva le voci

Autore: Valeria Venza

Collana: Frecce

ISBN: 978-88-9343-154-5

Prezzo di copertina: Euro 13,00

Pagine: 128

ACQUISTA

-15% DI SCONTO E SPEDIZIONE GRATUITA SU TUTTI I LIBRI! Rimuovi