Sursum corda

Nella sua seconda silloge, Sursum corda – Ad Ovest dei versi, Vincenzo Mirra si misura con il tentativo, peraltro pienamente riuscito, di disegnare una mappa esistenziale che riunisce luoghi geografici e spazi interiori, il Tempo – scandito nelle sue “coordinate” di eventi tra passato, presente e futuro – e la sua estensione “metafisica” nell’infinito. La poesia di Mirra si nutre di un travaglio incandescente di immaginazione e idee, di parole che contengono una visione vasta e smisurata del mondo, ridisegnato dalla fantasia e dai sentimenti, di cultura e intellezione. Nella rinascita del logos, i versi vengono alimentati da un linguaggio simbolico e rievocativo che entra ed esce continuamente dalla realtà, per dare voce ai sentimenti e alla pura contemplazione della bellezza.

(dalla prefazione di Vincenza Fava)

L’autore:

Vincenzo Mirra è nato a Napoli nel 1973. Dal 2005 vive a Pisa, dove partecipa a diverse attività teatrali e ha curato progetti per la lettura ad alta voce nelle scuole, incontri letterari e rassegne di poesia. Del 2016 è la sua silloge di esordio, Isole (Augh!). È autore del blog letterario “Beaufort, scritture al vento e taccuini di mare”. Sursum Corda – Ad Ovest dei versi è la sua seconda pubblicazione.

Titolo: Sursum corda

Sottotitolo: Ad Ovest dei versi

Autore: Vincenzo Mirra

Collana: Nuvole

ISBN: 978-88-9343-225-2

Prezzo di copertina: Euro 9,90

Pagine: 132

ACQUISTA