Racconti dall’aldiquà

13,00

Titolo: Racconti dall’aldiqua
Sottotitolo: Caleidoscopio d’amore in dodici scatti
Autore: Franco Piol
Collana: Frecce
ISBN: 978-88-9343-273-3
Prezzo di copertina: Euro 13,00
Pagine: 154

Categoria:

Come ogni ritrattista che si rispetti, anche Piol ha i suoi soggetti preferiti da immortalare nella tela della sua arte. E sono gli ultimi, gli emarginati, i paria – o, a volte, semplicemente i soggetti più deboli della società, come i bambini – a destare la curiosità più viva del narratore. Si pensi alla prostituta e al ballerino albanese, clandestino e omosessuale, di Sola a testimoniar la luna, oppure al talentuoso, quanto squattrinato, attore di teatro e al gigolò malato di Aids la cui storia d’amore viene tessuta nel magistrale Morte a Mestre – un evidente omaggio al capolavoro di Thomas Mann – o ancora al partigiano di Questo è il fiore. E tutto viene visto con la levità di una favola – seppur a volte triste – accarezzata da uno sguardo carico di compassione per la “vittima”, salvificata da un quasi onnipresente lieto fine.
(dalla prefazione di Selene Gagliardi)

L’autore:

Franco Piol è nato a Roma nel 1942. È poeta, regista, autore di romanzi, racconti e testi teatrali. Ha pubblicato diverse sillogi come Le macchie nere del racconto (1986) e Amori miei. Come autore di teatro ha scritto La rivolta dei manichini, Sconcertino, Big Bang!, Marmapò e Bit al lampone. Ha messo in scena autori come José Triana, Michel De Ghelderode, Jean Tardieu, Italo Svevo, Gianni Rodari e Jean Genet. Nel 1971 ha fondato con Roberto Galve il “Gruppo del Sole”, prima realtà stabile romana. Ha collaborato con il Comune di Roma, partecipando a molte “Estati romane” insieme a Renato Nicolini. Nel 2013 ha pubblicato Poetesie in concerto (Fabio Croce Edizioni), nel 2016 il romanzo Tana libera tutti! (Augh!) e nel 2017 la raccolta di racconti Gente del tempo che verrà (Augh!).

Rassegna Stampa:
AgenziaRadicale (8 agosto 2020)
Convenzionali (2 luglio 2020)